MANDORLA

Pubblicato il 11/5/2015 da Annalisa Adobati



Localizzazione


Descrizione

La mandorla è il seme commestibile del mandorlo, una pianta alta circa 10 metri appartenente alla famiglia delle Rosacee. Questo albero produce drupe ovali compresse che a maturità liberano un nocciolo oblungo, detto anch'esso comunemente mandorla. All'interno del nocciolo, racchiusi da un guscio legnoso, sono presenti uno o due semi, ricchi di olio e dal sapore dolce o amarognolo.

Composizione e caratteristiche nutrizionali del prodotto

Costituite per il 50% da grassi monoinsaturi e polinsaturi, le mandorle sono una preziosa fonte di energia e hanno un potere calorico elevato (circa 600 calorie per 100 grammi), per questo vanno consumate con parsimonia, non più di 10-15 al giorno. Le mandorle sono una preziosa riserva di vitamina E, riboflavina e di sali minerali, soprattutto di magnesio, manganese, ferro e calcio.
Tra i semi oleosi sono quelli che vantano il più alto contenuto di fibre (12%). L'elevato apporto proteico contribuisce a rendere la mandorla un alimento di prim'ordine, digeribile e molto energetico.


Conservazione e cottura

Generalmente le mandorle vengono consumate secche durante tutto l'anno. Le mandorle con guscio, se riposte in un luogo fresco ed asciutto, si conservano facilmente per qualche mese. Se private del loro involucro legnoso deperiscono velocemente e vanno pertanto conservate in luogo fresco e asciutto dentro un vaso ben chiuso.



Proprietà salutistiche

Le mandorle sono le regine della frutta secca: sono un vero toccasana e un prezioso contributo naturale per combattere e prevenire numerose patologie. Grazie all'alta percentuale di grassi “buoni”, le mandorle sono tra gli alimenti anti-colesterolo più importanti perchè abbassano il livello di colesterolo nel sangue, contribuendo alla salute di arterie e cuore.
Grazie alla presenza di vitamina E svolgono un'azione determinante nell'attenuazione del rischio di attacchi cardiaci, contribuendo a ridurre la crescita della placca aterosclerotica nelle arterie.
Sono un potente antiossidante naturale, preservano la giovinezza, la bellezza della pelle e il benessere dei capelli. Grazie alle elevate quantità di ferro sono un buon rimedio contro l'anemia, mentre il calcio le rende preziose per la salute delle ossa. Alcuni studi hanno inoltre dimostrato che le mandorle hanno effetti positivi su chi è affetto da diabete di tipo 2, migliorando la sensibilità verso l'insulina.
Le mandorle amare non sono adatte all'alimentazione umana in quanto contengono un glucoside tossico (amigdalina) che viene inattivato con la cottura prolungata. Più una mandorla è amara e tanto maggiore è il suo potere venefico. Gli estratti di questi semi vengono utilizzati a piccole ed innocue dosi nella preparazione di specialità dolciarie.


Zona geografica

Originario del Medio Oriente e della Cina Occidentale, in forma selvatica si può trovare anche nelle aree dell’Afganistan e dell’Iran. Giunto in Spagna ha colonizzato tutte le aree del Mediterraneo. Prediligendo le aree calde il mandorlo nel nostro paese cresce principalmente in Sicilia e Puglia.


Periodo di raccolta e consumo

Le mandorle si raccolgono tra agosto e settembre. In alcune zone la raccolta avviene ancora in modo tradizionale, utilizzando dei bastoni di legno per far cadere le mandorle su reti adagiate sul terreno. Una volta raccolte si procede alla sgusciatura meccanica, quindi alla loro essiccazione al sole, a tal fine vengono periodicamente rimaneggiate per permettere che si asciughino in modo uniforme.
Le mandorle fresche vengono utilizzate per la realizzazione del latte di mandorla.
Le mandorle seccate, private cioè della loro acqua, possono essere conservate a lungo mantenendo inalterati il sapore e le loro proprietà.
La farina ottenuta dalle mandorle viene utilizzata per preparare dolci, prodotti da forno e per la preparazione della pasta di mandorle, utilizzata per la preparazione e decorazione di molti dolci.


Habitat ideale di coltivazione

Il mandorlo è in grado di resistere anche su terreni dotati di scarse sostanze nutritive, aridi e secchi; anche in queste condizioni sfavorevoli è in grado di dar frutti, anche se in maniera inferiore rispetto a terreni normali.









Programma di Sviluppo Rurale Puglia 2007-2013
Asse IV – Fondo FEASR– Misura 421
Progetto di cooperazione transnazionale “LEADERMED”:
TUTELA E VALORIZZAZIONE DELLE CULTURE LOCALI SULLA DIETA MEDITERRANEA


Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International License.



GAL Sud-Est Barese S.c.m. a r.l.
Sede Operativa: Via Nino Rota, 28/A -
70042 Mola di Bari (BA)
Tel. +39 080 4737490 + Fax. +39 080 4731219 - P. IVA 07001380729
PEC: galseb@gigapec.it - info@galseb.it